follow me on twitter  follow me on facebook  follow me on instagram 

di Nunzia Casu

Home Nunzia Casu
Scritti
Contatti


 
PENSIERI IN LIBERTA'
 
     

 
- Arte Nunziana - Bernardo De Muro
- Fiori di mare - Nunzia C. (Aprile 2015)
 

 
Arte Nunziana

Immaginare tante conchiglie mai viste in un'isola d'oro, i cui suoni si accoccolano, e dove i colori accostano armonie di rara musicalita', gusci a striature variabili come ali di farfalla, ventaglio naturale che si perpetua nel tempo. Questa e' un poco la Sardegna, una grande, incantata conchiglia che si apre allo sguardo incredulo del pellegrino. Nell'isola del sole, toccata da un mare talvolta severo, la natura ha impresso scorci d'antico ricordo, nuraghi silenziosi e solenni, cumuli di roccia dura e indomabile, profili di gemme sottomarine che vengono alla luce e alla luce ritornano.
Conchylium dell'Arte Nunziana, ecco il miracolo.
Nunzia e' il nome dell'artista che getta sguardo sui litorali dell'isola (ma anche il Mediterraneo beneficia di questa infaticabile ricerca) per scoprire infine loro, le conchiglie.
Coglierle con religioso rispetto. Numerarle come pietre preziose. Accostarle come note musicali nel tempo. Ma prima della 'posa in opera' occorre ordinarle: per classe, famiglia, genere, specie, forma, dimensione. Perche' questa e' la regola della sistematica malacologia.
I colori dell'iride e quelli della tavolozza non bastano a classificarle: il bianco scopre un altro bianco, il rosa un altro rosa, l'azzurro un altro azzurro. Vasi di vetro le raccolgono ad altezze e composizioni diverse (e qui pare di scorgervi alcuni tratti morandiani, per la semplicita' degli accostamenti), dopo essere state ripulite nel loro naturale decoro, come l'anima che si riappropria di se stessa quando incontra la luce.
Nunzia non s'affretta a comporre i suoi quadri scegliendo le conchiglie da un vaso o da un altro. Come una madre che accarezza la teiera per trasmetterle un secondo calore, cosi' la mano di Nunzia osserva e accarezza quei vasi diversi, uniti come sono sulle mensole a fare corone d'organo, quadri gia' di per se, per l'ardimento delle sfumature, l'infiammarsi delle valve piu' lucenti, la gradualita' dei pesi e delle forme. E poi felice Nunzia, quando completa l'opera.
Il mazzolino tulipa', i fiori di campo, la passio, le ninfee, i fenicotteri rosa, la quiete dell'alba, la croce, la sirena, le onde del mare, le trasparenze della laguna, le farfalle di mandorlo. Ricami tutti di natura. Non e' facile immaginare i 'tempi di creazione' di ogni suo quadro; le conchiglie piu' minute sfuggono dalle mani e non si sa piu' come riacciuffarle, e l'idea deve venire subito, all'impronta, su cui nessun disegno a matita che precede l'opera puo' rendere giustizia alla bellezza che conclude, poesia del mare ai suoni d'acqua. Perche' chi si ispira alla natura, e' gia' sul cammino dell'arte.

Bernardo De Muro
Top

 
Fiori di mare

Fragili gusci le mie conchiglie,
dipinti con arte di mani sapienti,
Voi approdate su placide spiagge
gettate dal mare profondo,
Cosi' vi adagiate su sabbie argentate
E poi vi celate da veli sabbiosi.
L'acqua, indiscreta, lambendo i vostri 'mantelli'
Rivela di voi i colori piu' belli.
Tal volta arrivate col frutto nel seno,
e stremate dal gran navigare
Schiudete le valve che ormai sono inerti,
E senza sapere date del cibo
A quegli esserini che vigili
Attendono il vostro arrivare.
Piccole amiche, sospinte dal vento,
come gemme preziose
formate un decoro sulle lunghe battigie.
attenti ! voi che passate, non le schiacciate
prendetele invece, e osservatele
con tanta attenzione
tenetele strette dentro le mani
e quando guardate sappiate vedere
le trasparenze che ci dona il mare.
Io vedo in loro le splendide ali di tante farfalle
Corolle setose di fiori, di paesi..... lontani
Si sa che in natura un fiori produce il suo frutto
Ma in questo caso e' il frutto che simula il fiore.
E' tanto grande l'amore che nutro per loro
Che quando le trovo o le vado a scovare
Il mio pensiero si attiva e gia' sto pensando,
che foggia avra il prossimo fiore
Tal volta si estingue una grande famiglia
E cio' che avevo raccolto negli anni
Di quella famiglia ormai inesistente,
le ho custodite con grande dovizia
Come se fossero gemme preziose.
Stan li dentro uno scrigno,
ed ogni qual volta che vado a guardarle
riaffiorano in me ricordi lontani..........
quando da bimba felice
le raccattavo con le mie mani.

Nunzia C. (Aprile 2015)
Top


WebMaster: Stefano Pretta  -  stefano.pretta@gmail.com